E’ una tecnica di infiltrazione di una soluzione lipolitica, capace di determinare la lisi degli adipociti (adipocitolisi), associata ad un protocollo di trattamenti atti ad eliminare successivamente i trigliceridi fuoriusciti dagli adipociti distrutti.
L’intralipoterapia, messa a punto nel 2003 dal Prof. Motolese, rappresenta la tecnica più efficace per il trattamento non chirurgico delle adiposità localizzate in tutti quei soggetti che non intendono sottoporsi ad intervento di liposcultura.

liposcultura-non-chirurgica-prima liposcultura-non-chirurgica-dopo

 

Infiltrazione

Il trattamento è finalizzato alla riduzione farmacologica dello spessore del tessuto adiposo in aree corporee ben delimitate, per le quali si può preferire alla liposuzione in quanto a parità di efficacia comporta minori rischi e complicanze. L’intralipoterapia agisce sul numero di adipociti e non sul loro volume. Si puo dunque affermare che il risultato sia duraturo a condizione che gli adipociti rimasti non aumentino di volume.

Avviene tramite appositi aghi specificamente studiati per questo tipo di trattamento.

Anestesia

La soluzione viene iniettata con aggiunta di un anestetico locale (lidocaina)

Effetti secondari

Le iniezioni determinano, nella maggior parte dei pazienti, una lieve sensazione di bruciore, che dura pochi minuti. Nei primi giorni successivi alla seduta si assiste alla formazione di un edema che scompare in alcuni giorni, associato un indolenzimento dell’area trattata anch’esso di breve durata.

Dopo il trattamento

Utilizzare calze a compressione graduata (almeno 70 DEN) eseguire un linfodrenaggio ad una settimana dalla seduta.

Indicazioni alla intralipoterapia

Aqualyx e’ stato studiato per ottenere una lipolisi sottocutanea diretta Le zone di principale indicazione al trattamento sono: addome , glutei , interno cosce , fianchi , interno ginocchia, lipomi , culotte de cheval, pseudo ginecomastia maschile, doppio mento, pliche toraciche, interno braccia.